Consigli per una buona conservazione del prosciutto iberico bellota

Condividi con:

 

Consigli per una buona conservazione del prosciutto iberico bellota.
Secondo che si tratti del prosciutto iberico  intero, di fette, con l’osso o a pezzi, il prosciutto si conserverà diversamente.

jamon22

Conservare bene il prosciutto iberico bellota è fondamentale per la sua durata e sapore. Per mantenere intatto questo prodotto di qualità è necessario seguire una serie di consigli e far sì che il prosciutto sia sempre perfetto e non perda le sue qualità.

Nonostante sembri più complicato di quello che é, la chiave per far sì che il prosciutto duri più tempo e mantenga il suo sapore unico è conservarlo in un ambiente fresco e secco. Si consiglia anche che resti lontano da odori e sostanze forti. A questo bisogna aggiungere che, una volta che si apre la confezione e si inizia a consumarlo, bisogna collocare grosse fette della parte grassa, che si rimossero in un primo momento, per fare in modo che non si secchi.

Un altro consiglio molto buono è quello di tagliare solamente la porzione di prosciutto pata negra che si consumerà in giornata. Nel caso in cui avanzi qualcosa, bisognerà semplicemente conservarle con pellicola trasparente, dato che impedisce il contatto con l’aria.

Secondo la presentazione del prosciutto iberico, si conserverà differentemente. Per esempio, Spanishtaste.it  invia i prosciutti sotto vuoto per fare in modo che mantengano la freschezza, però quando è a fette o a pezzi lo mettono in confezioni per poterlo mettere nel frigorifero così da toglierlo solamente qualche minuto prima di servirlo. D’altro canto la parte con l’osso del prosciutto è bene congelarla qualora non dovesse essere consumata subito.

I problemi di una cattiva conservazione:

Una delle principali conseguenze quando non si conserva correttamente il prosciutto iberico è quella di perdere le sue qualità molto prima del dovuto o di avere un sapore non così buono come dovrebbe essere. Se l’alimento in questione fosse esposto ad un calore eccessivo si seccherebbe molto presto, mentre qualora si trovasse in un luogo molto freddo il prodotto perderebbe il suo sapore.

Condividi con:

Premio al prosciutto iberico di Bellota Jarote

Condividi con:

 

 

 

Jarote
Un prosciutto iberico bellota della compagnia Jamón Jarote fu omaggato ieri notte con il primo premio del XIV Concorso al miglior prosciutto iberico di bellota de Los Pedroches che fu ospitato nel Teatro Municipale di Villanueva de Córdoba come parte degli atti della Fiera Commerciale del prosciutto iberico di Bellota de Los Pedroches que fu inaugurata ieri. Jamón Jarote é una compagnia di Villanueva de Córdoba fondata nel 1992.
Al secondo posto arrivó il prosciutto presentato da Agroibérica de Pozoblanco, al terzo un esemplare di Señorío de Los Pedroches, anch’esso di Villanueva de Córdoba.
Un totale di dieci compagnie della regione hanno partecipato al concorso.
È possibile acquistare questo prosciutto iberico nel nostro shop: Prosciutto Jarote

Prosciutto Iberico Bellota Jarote
Rappresentanti omaggiati con il premio al miglior prosciutto durante la fiera 2014 posano con gli esemplari presentati al concorso. [Foto e Maggiori informazioni: Cope Pozoblanco].

Condividi con:

Prosciutto iberico Domecq, di Oscar

Condividi con:

Prosciutto Pata Negra Domecq

Il prosciutto Pata Negra Juan Pedro Domecq vince l’«Oscar» dell’alimentazione gourmet.

L’azienda spagnola di prosciutto pata negra iberico ottiene un sucesso senza precedenti al «Great Taste Awards» grazie al suo prosciutto di Bellota 100% Ibérico

É il secondo «Oscar» che ottiene Jamones Juan Pedro Domecq.

L’azienda di prosciutto iberico Juan Pedro Domecq é stata una delle trionfanti nell’ultima edizione dei premi inglesi «The Great Taste Awards», il concorso di alta gastronomia annuale organizzato da «The Guild of Fine Food», principale associazione di prodotti gourmet della Gran Bretagna. Grazie alla presentazione del suo Prosciutto di Bellota 100% Ibérico, Juan Pedro Domecq ha ottenuto il riconoscimento piú alto.

«Great Taste Award 2014» ha premiato la qualità del prosciutto di Bellota 100% Ibérico de Juan Pedro Domecq, conferendole i premi piú alti: Le Tre Stelle d’Oro; l’inserimento nella «Top 50 Foods in Britain» (i 50 migliori prodotti gourmet dell’anno); e il Golden Fork Award alla «Charcuterie Product of the year», premio al miglior prodotto di salumeria dell’anno.

 Prosciutto Iberico Domecq

La distinzione é un successo senza precedenti per un prodotto gourmet spagnolo

É il secondo «Oscar» nel mondo dell’ alimentazione que ottiene Jamones Juan Pedro Domecq, che ricevette già nel 2012 il Golden Fork Award al«Best Imported Speciality», nonché una delle poche aziende che é stata premiata per 3 anni consecutivi con Le Tre Stelle d’Oro della sua categoria, un successo senza precedenti per un prodotto gourmet spagnolo.

In questa edizione del 2014 si sono presentati 10.000 prodotti, tra alimenti e bibite, dei quali solamente 153 hanno ottenuto la massima qualifica di Tre Stelle d’Oro e tra questi solo 50 hanno raggiunto la grande finale per i «Golden Fork Awards»; quelli che sono considerati gli Oscar dell’alimentazione gourmet, che si conferiscono ai 18 migliori prodotti.

Questo concorso si vanta della sua indipendenza ed integrità, che valuta la qualità del prodotto al di lá della marca e delle campagne di marketing lanciate dai produttori. Gli assaggi sono realizzati da 400 persone, scelte a caso, valutando tutte le tinte gustative del prodotto.

 Assaggi selettivi

Gli stabilimenti piú selettivi della capitale inglese, come Harrods, Selfridges o Fortune&Mason, in questi giorni avvicinano il pubblico ai vincitori di questi premi, scelti tra i migliori prodotti gourmet venduti nel Regno Unito, attraverso degli assaggi nei suoi punti vendita.

Questo suppone un trionfo di un prodotto tipicamente spagnolo, come il prosciutto di bellota 100% ibérico, un riconoscimento alla magnifica qualitá del prosciutto di Juan Pedro Domecq y uno slancio al suo processo di internazionalizzazione, che ha portato questa azienda ormai nei cinque continenti.

Condividi con:

Le esportazioni di prosciutto Pata Negra crescono del 10,1% fino a giugno

Condividi con:

Le esportazioni di prosciutto Pata Negra e paleta stagionati crescono del 10,1% fino a giugno.

Prosciutto iberico spagnolo

Le esportazioni di prosciutto spagnolo e paleta stagionati sono cresciute del 10,1% durante i primi sei mesi dell’anno, fino ad un totale di 14.851 tonnellate, per un valore di 135 milioni di euro, il 10,2% in piú rispetto al fatturato dell’anno precedente, secondo i dati del Consorzio del Jamón Serrano Spagnolo forniti dall’ Agenzia delle Entrate, che rilevano anche che il prezzo medio é cresciuto dello 0,1%.

 Per quanto riguarda le destinazioni, Germania, Francia e Portogallo, con un peso congiunto del 61,8%, continuano ad occupare le prime tre posizioni tra i mercati di riferimento con rispettivamente 3.797, 3.660 y 1.727 tonnellate esportate. Seguono l’Italia con 1.295 tonnellate, il Belgio (477 tonnellate), l’Olanda (382 tonnellate) e il Messico (340 tonnellate).

Geograficamente la UE continua ad essere la principale meta delle esportazioni spagnole. Le vendite al resto dell’ Unione dei 28 sono cresciute del 15,3%, mentre le esportazioni a Paesi terzi sono diminuite del 10%.

Prosciutto Spagnolo

Tra i Paesi de la Unione dei 28 spicca il buon comportamento di Portogallo e Italia. Le esportazioni al Paese lusitanto hanno raggiunto le 1.727 tonnellate, il che rappresenta 433 tonnellate in piú rispetto allo stesso periodo del 2013, quando si esportarono solamente 1.295 tonnellate di prosciutto e paleta stagionati. Dall’altra parte, l’Italia ha totalizzato 1.295 tonnellate, 687 in piú rispetto allo stesso peridodo dell’anno precedente, quando si situó sulle 608 tonnellate.

Per quanto riguarda i Paesi extracomunitari, Giappone e Stati Uniti sono le mete verso le quali l’esportazione di prosciutto e paleta stagionati sono aumentati in maniera “significativa”.

Il Giappone, situato nella decima posizione, ha raggiunto la cifra di 228 tonnellate quando nello stesso periodo del 2013 arrivó solamente alle 187, il che significa una crescita del 22%. D’altro canto le esportazioni verso gli Stati Uniti, mercato che occupa l’undicesima posizione del ranking, sono aumentate del 18% rispetto allo stesso periodo dell’anno anteriore, fino a raggiungere le 225 tonnellate.

“Questi dati riflettono la tendenza imprenditoriale degli ultimi anni di dirigersi a quei Paesi dove la semplicità logistica e burocratica, unita alla conoscenza del prodotto da parte del consumatore, aiutano ad incrementare le esportazioni “, ha ricalcato il Consorzio.

Condividi con:

La guida definitiva del prosciutto pata negra

Condividi con:

 

prosciutto iberico

Consigli per comprare un prosciutto pata negra:

Di seguito troverete alcuni preziosi consigli per acquistare un prosciutto Pata Negra spagnolo di qualità:
Quando si sceglie un prosciutto iberico (Jamon Iberico), deve essere riportata chiaramente la qualità di quest’ultimo.

Innanzitutto, bisogna verificare la sua provenienza. Un prosciutto iberico può essere della regione di Estremadura, di Huelva, di Cordova o di Salamanca.

Tra le caratteristiche del prosciutto pata negra, deve essere riportata la varietà: bellota, recebo o cebo.

Inoltre, dovrà comparire il periodo di stagionatura, che varia secondo la qualità, visto che il prosciutto di bellota necessita di un periodo di stagionatura più lungo rispetto agli altri.

I prosciutti iberici si distinguono per la loro forma allungata e delicata, oltre ad avere la zampa nera.
È importante che questi elementi si possano evincere dalle fotografie del prodotto e, nel caso in cui il prosciutto ricevuto non soddisfi le nostre aspettative, deve essere possibile restituirlo.
Una volta nelle nostre mani, potremo notare che il colore della carne varia dal rosa al rosso porpora e che la sua consistenza è poco fibrosa, il grasso brillante, fluido e blando al tatto.

La marca non è tra le cosa più importanti quando si desidera comprare un prosciutto pata negra di qualità considerato che molti fabbricanti mediocri investono ingenti somme in pubblicità mentre altri, meno conosciuti, producono prosciutti di altissima qualità artigianalmente, pur non avendo le risorse per farsi conoscere.

La cosa più importante è acquistarli in negozi che offrano una buona garanzia e la opzione di restituire il prodotto se non rispecchia le caratteristiche annunciate.

 

Prezzo prosciutto pata negra

Il prezzo del prosciutto iberico pata negra:

Il prezzo del prosciutto Pata Negra:
– Prezzo prosciutto iberico “Pata Negra” di Cebo: 10€-15€/Kg.
– Prezzo prosciutto iberico “Pata Negra” di Recebo: 25€-30€/Kg.
– Prezzo prosciutto iberico “Pata Negra” di Bellota: 30€-60€/Kg.

 

Prosciutto bellota

La qualità del prosciutto iberico pata negra:

– Sarà bellota se allevato in libertà e alimentato di cereali e legumi e di ghiande al periodo di pasciona.
– Sarà un prosciutto di recebo se alimentato di mangimi e cereali e di alcune ghiande al periodo di pasciona, anche se con meno quantità di quelli di bellota.
– Per finire, sarà un prosciutto di cebo se alimentato di cereali e mangimi. In ognuno di questi casi, esattamente come la qualità degli alimenti ricevuti, sarà anche importante se il suino è stato in libertà o meno.

 

prosciutto iberico pata negra

È corretto parlare di prosciutto “pata negra”?:

In realtà il termine “Pata Negra” non è corretto e non si può utilizzare nelle etichette siccome è facile confonderlo. Pata Negra”, letteralmente “zampa nera”, si riferisce, appunto, al colore delle zampe dei maiali di razza iberica.
Tuttavia, esistono degli esemplari di razza iberica che potrebbero non avere la zampa nera e dei maiali bianchi che, invece, la potrebbero avere.
Per queste ragioni, è normale riferirsi al prosciutto “Pata Negra” senza sapere che bisognerebbe invece parlare di prosciutto iberico e, all’interno di questa varietà, è importante sapere che qualità stiamo comprando: Bellota, Recebo o Cebo.

 

Normativa prosciutto iberico

La nuova norma del prosciutto iberico:

Un nuovo regolamento elimina il “recebo” come denominazione commerciale e rafforza le esigenze di qualità del prosciutto iberico “Pata Negra”.
A partire dall’entrata in vigore del decreto approvato ieri, ci saranno solamente tre denominazioni di vendita, rispetto alle quattro esistenti oggi: “de bellota”, “de cebo de campo” e “de cebo”.
Si elimina quello che fino ad ora era conosciuto come “recebo”. L’etichetta dovrà indicare la percentuale di purezza iberica, nel caso di animali 100% iberici, mentre dovrà specificare chiaramente quando non lo sono.
L’espressione “pata negra” si utilizzerà unicamente per quegli animali alimentati con ghiande 100% iberici di etichetta nera.

Condividi con:
Contattaci con whatsapp